VELUX Schweiz AG
indietro
Il sole illumina le tapparelle dei lucernari | Rivista VELUX

Raffrescare la stanza: consigli per temperature interne gradevoli nelle giornate calde

Raffrescare la stanza: consigli per temperature interne gradevoli nelle giornate calde

Senza le dovute precauzioni per proteggersi dal caldo, nelle stanze sotto il tetto possono verificarsi temperature interne molto sgradevoli in estate. La domanda «Come posso raffrescare il mia mansarda?» sorge quando non si è provveduto a installare persiane avvolgibili esterne o marchisette di protezione dal calore o un condizionatore. Per consentirle di abbassare il più efficacemente possibile le temperature nel Suo appartamento, abbiamo elencato dieci consigli top e ulteriori indicazioni e trucchi molto utili.

Stanze con la giusta temperatura grazie a una corretta ventilazione

Ventilare correttamente è sempre importante per prevenire la muffa e per creare un clima domestico piacevole e salutare. In estate una ventilazione mirata può altresì aiutare a raffrescare le stanze.

Molte persone pensano che quando fa molto caldo occorra ventilare più spesso per raffrescare la casa. Questo è un ragionamento sbagliato, perché nelle assolate giornate estive fuori eventualmente fa più caldo che in casa. Aprendo le finestre il calore entra, con il risultato che in casa avremo temperature ancora più alte.

Per la ventilazione è quindi meglio sfruttare i momenti della giornata in cui fuori fa relativamente più fresco. Apra la finestra la mattina presto e la sera tardi e preferibilmente anche la notte. Molto efficace è anche la cosiddetta ventilazione trasversale: crei corrente d’aria spalancando completamente le finestre in vari punti della casa contemporaneamente.

Raffrescare la stanza con il ventilatore: come farlo correttamente

Un classico per raffrescare la casa: il ventilatore. Rispetto al condizionatore, il ventilatore è molto più economico sia per quanto concerne l'acquisto che i consumi, con benefici per il portafoglio e anche per l’ambiente. Al momento dell'acquisto faccia attenzione a scegliere un modello a risparmio energetico.

Il ventilatore raffresca però solamente se lo si usa correttamente. Per questo è bene sapere che un ventilatore non è fatto per raffrescare la stanza bensì le persone che vi abitano. Il ventilatore smuove unicamente l’aria, ma non la raffresca. L'effetto rinfrescante si presenta quando l’aria in movimento impatta sulle persone, facendo sì che il sudore sulla pelle evapori, per cui la pelle viene raffrescata dal raffreddamento da evaporazione. Ciò significa che il ventilatore deve essere acceso soltanto quando si è nella stanza.

Configuratore di finestre per tetti VELUX

Configuratore di finestre per tetti

  1. Configurare la soluzione ideale per la finestra incl. il prezzo del prodotto
  2. Cercare l’artigiano e ricevere una valutazione dei costi complessivi
  3. Richiedere l’offerta direttamente all’artigiano
  4. Farsi accompagnare per tutto il successivo processo da VELUX

La situazione è un’altra quando con il ventilatore si vuole portare aria fresca dall'esterno all’interno della stanza. Per fare questo occorre posizionare il ventilatore presso la finestra aperta. Orienti il ventilatore in maniera tale che il lato anteriore sia rivolto verso l’interno della stanza. Così facendo, il ventilatore aiuta a convogliare aria fresca nella stanza. Questo altresì funziona solamente se la temperatura esterna è bassa, cioè la mattina presto o la sera quando è tramontato il sole.

Quando utilizza il ventilatore, faccia attenzione a mantenersi a una certa distanza dall’apparecchio e a non esporsi troppo a lungo alla corrente d’aria diretta. Ciò Le potrebbe causare secchezza delle mucose, tensioni e raffreddori. In particolare i bambini piccoli e gli animali domestici possono essere sensibili alla corrente d'aria prodotta.

Raffrescare la stanza con l’adeguata protezione dal calore

Come posso fare per raffrescare la mia casa? Questa è una domanda che si pongono soprattutto gli inquilini di appartamenti mansardati. Il calore nel sottotetto può diventare davvero insopportabile, per cui un’adeguata protezione dal calore è indispensabile. L’alternativa più intelligente per raffrescare la casa è la prevenzione: Le consigliamo pertanto di dotare le Sue finestre di prodotti di protezione dal calore. Questo provvedimento è raccomandabile soprattutto per le finestre del tetto, che sono orientate verso il cielo e verso il sole. Applichi questi prodotti esternamente alla finestra: in questo modo impediranno ai raggi solari di penetrare nelle stanze. Chiuda le persiane avvolgibili esterne assolutamente prima che l’irraggiamento solare impatti direttamente sulla finestra, così da evitare che le stanze si surriscaldino.

Soffitta con isolamento termico | Rivista VELUX
Con i prodotti di protezione dal calore adatti, potete evitare il calore sgradevole sotto il tetto spiovente e impedire ai raggi solari in arrivo di entrare nelle vostre stanze.

Come costruirsi in proprio un pratico condizionatore

Gli impianti di climatizzazione sono costosi e di norma richiedono una complessa installazione da parte di esperti. Allora come si fa a raffrescare una stanza senza acquistare un condizionatore? Semplice, basta costruirsi da sé un impianto di climatizzazione. Le occorre:

  • un secchio
  • tanti cubetti di ghiaccio
  • un ventilatore

Ed ecco come costruire il condizionatore «fai da te»: per iniziare, riempire il secchio con cubetti di ghiaccio o acqua ghiacciata. Collocare quindi il ventilatore davanti al secchio. Il ventilatore dovrebbe essere puntato in modo tale che l’aria soffi proprio sopra i cubetti di ghiaccio o sopra all'acqua ghiacciata. Un’altra opzione per costruire un condizionatore improvvisato è usando un normale asciugamano. Anche per questa variante occorre un ventilatore. Funziona così:

  1. Immergere l’asciugamano completamente nell’acqua e strizzarlo.
  2. Appendere quindi l’asciugamano nella stanza che si vuole raffreddare, per esempio sulla spalliera di una sedia, su una gruccia o su uno stendibiancheria.
  3. Posizionare il ventilatore dietro all’asciugamano e accenderlo. Il raffreddamento da evaporazione che si forma, aiuterà a raffrescare la stanza.
  4. Affinché questo condizionatore «fai da te» funzioni, l’asciugamano dovrebbe essere sempre umido. Eventualmente si può immergere l’estremità dell’asciugamano in un secchio pieno d'acqua.

Protezione dal sole, protezione dal calore e persiana avvolgibile per le finestre per tetti

  • Ridurre la luce diurna incidente, schermarla completamente o proteggere le stanze dal surriscaldamento
  • Le nostre tende a rullo, tende a rullo pieghevoli, tende a lamelle, tende da sole e tapparelle esterne offrono la soluzione ideale per voi

10 consigli top per stanze sempre fresche

1° Bere sufficiente acqua nelle giornate calde

Bere molto è sempre importante, specialmente nelle giornate calde. Bere molti liquidi giova anche in termini di condizioni di temperatura gradevoli. Anche se questo consiglio non cambia la temperatura interna, aiuta però il corpo a non surriscaldarsi. Lo standard dovrebbe essere di almeno due litri al giorno. Le bevande dovrebbero essere a temperatura ambiente. Bevande troppo fredde costringono il corpo a compensare le differenze di temperatura con conseguente nuova sudorazione.

2° Mettere i vestiti e le lenzuola nel freezer

Nelle giornate più calde si fa spesso fatica ad addormentarsi. Un po’ di refrigerio lo possono offrire i tessuti messi nel freezer prima di essere usati. Provi quindi a mettere gli indumenti per la notte e le lenzuola in un sacchetto e riporlo per circa 30 minuti nel freezer. Gli indumenti e le lenzuola, almeno durante la fase dell’addormentamento, saranno piacevolmente freschi.

3° Usare una piccola fontana per interni

Come posso mantenere fresca la mia casa? Una possibilità può essere quella di ricorrere a una fontana per interni. L’acqua non è solo simbolo di refrigerio, ma è un valido e concreto aiuto nelle giornate più calde. Con il raffreddamento da evaporazione, una fontana per interni garantisce un clima interno gradevole. Questo consiglio è adatto soprattutto per raffrescare stanze più piccole.

4° Appendere lenzuola umide nella stanza

Anche appendere lenzuola umide funziona secondo il principio del raffreddamento da evaporazione. Occorre però tenere presente che questa opzione richiede un'accurata ventilazione. Altrimenti, si può verificare un forte aumento dell’umidità che a sua volta favorisce la formazione di muffa. Quando fuori è afoso sarebbe meglio non optare per questa soluzione per evitare troppa umidità nell'aria.

5° Riempire una borsa dell'acqua calda con acqua fredda

La borsa dell’acqua calda è un partner fedele non solo quando fa freddo. Essa può essere molto utile anche in estate. Consigliamo di riempire una borsa dell’acqua calda con acqua fredda e di riporla per varie ore nel frigorifero. Successivamente, si può anche portarla a letto per addormentarsi con una gradevole sensazione di fresco.

6° Collocare molte nuove piante

Le piante non solo migliorano il clima domestico in genere, ma aiutano anche a regolare la temperatura. Emettono all’esterno gran parte dei liquidi che ricevono tra l’altro quando vengono innaffiate. L’umidità dell’aria quindi aumenta, facendo abbassare un po’ le temperature all’interno della stanza. Le piante collocate sulla facciata formano inoltre una specie di isolamento naturale e aiutano a proteggere dall’esterno la casa dal calore.

Soffitta con molte piante | Rivista VELUX
Le piante possono sostenere la regolazione della temperatura e il clima interno nelle vostre stanze in mansarda e garantire temperature più basse.

7° Eventualmente rimuovere i tappeti

I tappeti immagazzinano il calore; grandi superfici libere fanno percepire una temperatura più bassa nella stanza. Se possibile conviene mettere in naftalina i tappeti nei mesi estivi. Arrotolati nell’armadio, aspetteranno i mesi più freddi per creare nuovamente un’atmosfera intima e accogliente.

8° Isolare correttamente il sottotetto

Se ci si accinge al rifacimento del sottotetto, sarebbe opportuno isolare correttamente le finestre del tetto e le pareti. Si informi sui vari materiali isolanti, sulle pertinenti norme e sui metodi. Non guardi ai costi, perché un buon isolamento vale sempre la pena, anche in estate. Inoltre, nel periodo in cui si accendono i termosifoni, l’isolamento aiuta anche a risparmiare sui costi di riscaldamento.

9° Scegliere i colori adatti per pareti e tende

Nel sottotetto il colore delle tende e delle pareti non è solo una questione di stile ma anche determinante per la temperatura della stanza. Colori chiari e tessuti leggeri assorbono meno calore rispetto ai colori scuri e a stoffe pesanti. Se invece Lei non vuole rinunciare a tende scure, provi a cambiarle stagionalmente o applichi anche una protezione dal calore all’esterno.

10° Spegnere gli apparecchi elettrici dopo l’uso

Gli apparecchi elettrici giocano un ruolo importante nel raffreddare una stanza. Gli apparecchi elettrici emanano calore anche quando sono in stand-by. Pertanto consigliamo di spegnerli quando non sono in uso. Questo aiuterà non soltanto a tenere quanto più bassa possibile la temperatura interna, ma anche a risparmiare un sacco di energia.

Riassumendo: come raffreddare correttamente le stanze nelle giornate più calde

Come si può raffreddare il più efficacemente possibile una stanza? Per raffreddare la temperatura interna nelle giornate più calde non occorre necessariamente un condizionatore. Tanti accorgimenti creativi, come per esempio mettere nel freezer le lenzuola o spegnere gli apparecchi elettrici, contribuiscono anche in estate al benessere tra le proprie mura domestiche. Se in più si provvede a una adeguata protezione dal calore, a una regolare ventilazione d’urto e ci si costruisce un impianto di climatizzazione fai da te, ci si potrà godere l’estate anche nella mansarda senza soffrire troppo il caldo.

Casi di studio

  • Sfogliate i progetti finiti di costruzione e ristrutturazione
  • lasciatevi ispirare dalle possibilità di creare uno spazio piacevole, confortevole e sano.
Condividi questo articolo
Alla pagina iniziale