VELUX Schweiz AG
indietro
Giardino di bottiglie con muschio verde | Rivista VELUX

Giardino in bottiglia «fai da te»: come creare un ecosistema personale

Giardino in bottiglia «fai da te»: come creare un ecosistema personale

Porti la natura dentro casa Sua: un giardino in bottiglia costituisce un ecosistema isolato dall'esterno. È facile da curare e di grande impatto estetico tra le proprie mura domestiche. Scopra come funziona un giardino in bottiglia e cosa bisogna osservare in fase di realizzazione.

Cos’è un giardino in bottiglia?

Un giardino in bottiglia è un piccolo ecosistema isolato dall'esterno. Se Lei avrà piantato correttamente il Suo giardino in miniatura, questo crescerà in maniera completamente autosufficiente, senza che Lei debba occuparsene. Questo grazie ai processi naturali che hanno luogo nel giardino in bottiglia. Inoltre, è una decorazione bella e naturale per la casa. Specialmente per le stanze del sottotetto, molti si chiedono se le piante da appartamento siano una soluzione fattibile.

Allestire un giardino in bottiglia: la posizione ideale

La posizione ha un ruolo fondamentale nell’allestimento di un giardino in bottiglia. Sono adatti i luoghi luminosi senza irraggiamento solare diretto, per esempio stanze con grandi finestre per tetti. L’importante, comunque, è non collocare il giardino in bottiglia direttamente sotto la finestra perché troppo sole può danneggiare le piante bruciandole. Inoltre consigliamo di sistemare il giardino in bottiglia in modo che sia ben visibile. Del resto, è molto decorativo, porta del verde nelle stanze ed è un vero piacere osservare i processi naturali.

Giardino in bottiglia «fai da te»: quali tipi di piante e vasi di vetro usare

Oltre alla giusta collocazione, anche i contenitori di vetro adatti e la scelta corretta del tipo di piante contribuiscono in maniera determinante alla riuscita del giardino in miniatura. Le piante adatte sono quelle che richiedono un clima caldo-umido e che crescono piuttosto lentamente.

Piante per il giardino in bottiglia:

  • piccole felci
  • piccole specie di orchidee
  • cactus
  • bromelie
  • edera

Ma anche il muschio non dovrebbe mancare nel piccolo biotopo. Il muschio infatti regola il bilancio idrico del giardino in bottiglia perché conserva l'acqua come una spugna per ridistribuirla poi gradualmente durante la giornata Specie idonee sono il muschio della torba, il muschio di Giava e il muschio scozzese.

Per allestire un giardino in bottiglia «fai da te» si può ricorrere a diversi contenitori. Bottiglia di vetro, vaso per conserve o damigiana: dipende soprattutto dai Suoi gusti personali e dalle dimensioni che sceglie per il biotopo. Il contenitore si deve poter chiudere ermeticamente. Inoltre è importante pulirlo bene prima di iniziare l’allestimento. Solo così si può essere sicuri che tutto sia ben sterilizzato.

Passo dopo passo verso il giardino in miniatura

Con le seguenti istruzioni La guidiamo passo passo per preparare e realizzare il Suo primo personalissimo giardino in bottiglia. Si procuri innanzitutto il materiale necessario. Le occorre un contenitore di vetro con capienza di almeno 2 – 3 litri e un’apertura sufficientemente grande. A questo punto Le servono 1 - 2 piante che tollerino un clima caldo-umido e che richiedano poco spazio. Inoltre dovrà procurarsi un po’ di carbone sbriciolato, ad esempio carbonella o carbone vegetale, piccoli sassi come ghiaia, con diametro inferiore al centimetro, e terriccio ricco di sostanze nutritive. A seconda della grandezza dell’apertura del contenitore, è bene tenere a portata di mano un imbuto, una pinzetta e un’asticella lunga.

Giardino in bottiglia «fai da te» – Istruzioni passo passo:

  1. passaggio: Sciacqui i contenitori con acqua bollente per abbattere germi e batteri. Lavi bene anche i sassolini, per poter lavorare poi con tutti i materiali ben puliti.
  2. passaggio: Posizioni i sassolini in maniera uniforme nel contenitore. Se l’apertura è particolarmente piccola, può usare un imbuto. Questo strato dovrebbe essere spesso circa 2 – 3 centimetri e coprire uniformemente la base.
  3. passaggio: A questo punto aggiunga uno strato sottile di carbone sbriciolato. In questo modo si eviteranno odori sgradevoli e muffa.
  4. passaggio: Riempia il contenitore di vetro con terriccio asciutto. Anche lo strato di terriccio deve essere distribuito uniformemente ed essere alto circa tre centimetri.
  5. passaggio: Posizioni ora le piante nel Suo giardino in bottiglia. Spunti un po’ le radici troppo lunghe. Per ogni talea crei un incavo in cui inserirla e quindi prema energicamente il terriccio tutt’intorno. Con l’aiuto di una pinzetta e di un’asticella questa operazione sarà facile da eseguire. Le piante devono essere ben stabili e non troppo vicine l’una all’altra. Il muschio costituirà l’ultimo strato del giardino in bottiglia.
  6. passaggio: Per l’allestimento di un giardino in bottiglia, l’ultimo step consiste nell’irrigazione. Per la giusta quantità d’acqua il terriccio deve essere umido ma non deve stagnare acqua nel contenitore. Se ha messo poca acqua, ne aggiunga dell’altra. Se il giardino in bottiglia dovesse risultare troppo umido, lo lasci aperto per qualche giorno. Questo consentirà all’acqua in eccesso di evaporare. A questo punto è sufficiente chiudere il contenitore.

Come curare il proprio piccolo ecosistema

Non è affatto difficile creare il proprio giardino in bottiglia e anche curarlo è semplice. Osservi attentamente il Suo biotopo. La mattina dovrebbero formarsi delle goccioline d'acqua alla parete del vetro, che poi spariranno nel corso della giornata. Questo significa che le piante hanno le condizioni di crescita ideali e la quantità d'acqua ottimale. Lei dovrà aprire il contenitore solamente se l'acqua cola lungo le pareti del contenitore o se non vede alcuna acqua. Tolga le piante in decomposizione per prevenire la formazione di muffa. A tutto il resto provvederà il giardino in bottiglia autonomamente. Certamente il giardino in bottiglia è una decorazione di forte impatto estetico, istruttiva e una favolosa idea per la Sua finestra per tetti!

Casi di studio

  • Sfogliate i progetti finiti di costruzione e ristrutturazione
  • lasciatevi ispirare dalle possibilità di creare uno spazio piacevole, confortevole e sano.
Condividi questo articolo
Alla pagina iniziale